EAM - Enterprise Assets Management

Il sistema di manutenzione preventiva e proattiva di macchine, impianti e attrezzature

Tutti gli asset aziendali (macchine, impianti e attrezzature quali gli stampi) richiedono manutenzioni attente e pianificate. Purtroppo accade spesso che tali attività si svolgono solo in emergenza, con fermi macchina lunghi e costosi, che comportano una notevole perdita di produttività e di redditività aziendale.

La corretta gestione delle manutenzioni consente di ottenere importanti effetti positivi sulla gestione economica dell’impresa.

Il progetto EAM (Enterprise Asset Management) nasce proprio per andare oltre la vecchia logica del “run-to-failure” (intervieni quando si rompe) per privilegiare, al contrario, i criteri di affidabilità degli asset tramite una manutenzione programmata o preventiva, proiettata ad una gestione predittiva.

EAM è un sistema Industrial IOT (Internet of Things) progettato principalmente per gestire la vita delle macchine, impianti e attrezzature (PLM - Product Lifecycle Management), programmare le manutenzioni, gestire gli allarmi, controllare l’efficienza, ridurre i fermi, al fine di abbattere i costi di produzione e migliorare la progettazione degli asset.

EAM e l’integrazione con la suite di Mycros

Le caratteristiche fondamentali del sistema EAM sono quelle di essere assimilabile a sistemi Plug & Playpuò operare in modalità stand alone oppure integrarsi in forma nativa con i sistemi in cloud della suite di Mycros: MES in Cloud (gestione produzione), CONNECT 4.0 (interconnessione Industria 4.0) e TMOLD (telemetria degli stampi).

I destinatari del sistema EAM

Il progetto è destinato alle industrie manifatturiere in genere, al mondo dello Stampaggio materie plastiche, gomma, metalli (in particolare Presse e Stampi) ivi compresi dispositivi ausiliari della produzione, quali impianti di refrigerazione, tramogge, Robot, mulini, granulatori, termoregolatori, deumidificatori, ecc.

La sua applicazione può essere estesa ad impianti o servizi generali quali: compressori, impianti di riscaldamento, impianti condizionamento, sia locali che di sedi remote per i quali è sentita l’esigenza di conoscere e tracciare la vita dell’asset (PLM).

Caratteristiche funzionali

Il confronto in tempo reale tra i parametri rilevati dalle macchine, impianti o stampi con i parametri di default stabiliti dall’ufficio tecnico, consente di valutare il corretto funzionamento o meno degli assets impegnati in produzione.

In caso di derive o deviazioni significative il sistema EAM crea segnalazioni di warning o allarmi agli operatori interessati e apre automaticamente i ticket per la richiesta di intervento di manutenzione straordinaria.

La gestione di tali ticket, in abbinamento a quelli provenienti dalla normale gestione preventiva, consente al responsabile della manutenzione di pianificare nel breve o medio periodo gli interventi in base alle priorità, assegnando i ticket al personale che presenta adeguato skill sulla problematica corrente.

Quindi la registrazione degli interventi effettuati e opportunamente salvati in cloud, concorre alla formazione di analisi storiche strutturate per assets, per personale addetto o per tipologia d’intervento al fine di migliorare la produzione e fornire ulteriori informazioni a supporto della manutenzione predittiva.

Le modalità operative del sistema sono predisposte affinché gli asset aziendali siano monitorati in modo efficiente, continuo ed economico,  ovunque nel mondo, e che l’installazione del sistema non comporti modifiche all'infrastruttura e alla rete informativa aziendale.

Industria 4.0 e Qualità ISO 9001

Il sistema EAM per le sue caratteristiche tecniche e funzionali è conforme ai requisiti del Piano Transizione Industria 4.0 e può usufruire del Credito d’Imposta al 40 %. Il beneficio si applica sull’intero sistema composto da hardware e software e alle attività tecniche di implementazione.

Inoltre è funzionale alla gestione delle Manutenzioni richieste dai Sistemi Qualità ISO 9001.

Connettore con gli ERP aziendali

È disponibile un modulo di connessione con i gestionali ERP per ricevere e restituire informazioni e dati relativi alla gestione degli asset. Tabelle di frontiera o API sono predisposte per restituire al gestionale i dati relativi agli interventi effettuati, i materiali impiegati, i tempi di intervento, ecc.

In tal modo è possibile sul gestionale tenere un controllo dei costi industriali di produzione quindi una gestione economica degli assets e dei reparti produttivi o ausiliari.